8 MODI PER MIGLIORARE LA TUA PRATICA YOGA CON I MATTONCINI

Ti è mai capitato, dopo una lezione di yoga, di sentire dei dolori ben precisi in alcune aree del corpo? 

Questo succede perché spesso ci si sforza troppo durante la pratica senza portare l’opportuna consapevolezza, per concentrarsi solo ed esclusivamente sulla riuscita di una posizione e tralasciando aspetti importantissimi come l’allineamento

E’ qui che entrano in gioco i supporti: che tu sia un principiante o un praticante esperto, sicuramente avrai sentito parlare dei cosiddetti mattoncini (o blocchi) di supporto alla pratica. 

Sebbene siano di ordinario utilizzo in determinati stili specifici come Iyengar, Restorative o Yin yoga, in tutti gli altri questo strumento non viene preso in considerazione tanto quanto si dovrebbe. Non è raro trovare infatti, durante le lezioni, praticanti che cercano in tutti i modi di sforzarsi per raggiungere una posizione senza alcun tipo di supporto, rischiando anche di farsi del male. 

Fare yoga infatti non è cercare di riuscire a fare un asana a tutti i costi, ma vuol dire innanzitutto rispettare il proprio corpo con i propri limiti e cercare di portare sempre più consapevolezza e ascolto in ogni movimento e respiro, perchè lui più di tutti sa cosa è più giusto per noi. 

Ma perchè i blocchi dovrebbero essere così importanti e quali sarebbero i vantaggi che apporterebbero grazie ad un loro uso costante nella pratica di ciascuno? 

Qui di seguito troverai una serie di benefici che potrai riscontrare grazie al loro utilizzo, con semplici ed efficaci accorgimenti: 

1) Ti facilitano nei piegamenti in avanti, accorciando la distanza tra te e il pavimento. 

In posizioni come il triangolo (trikonasana), triangolo inverso (parivritta trikonasana), guerriero III (virabhadrasana III) o mezza luna (ardha chandrasana), anche solo un mattoncino appoggiato a terra può divenire fondamentale per sostenerti. Ti aiuta a mantenere la colonna vertebrale dritta, allungarla, e facilitandoti nel frattempo nel mantenere l’equilibrio senza sforzare troppo i muscoli posteriori delle cosce. 

2) Ti aiutano a stabilire il corretto allineamento nelle varie posizioni 

Se trovi difficoltà a mantenere la schiena dritta, le anche allineate o le ginocchia in linea con le caviglie, potrai ricavare estremi benefici dai mattoncini. Un esempio infatti è quello di tenerli tra le cosce in una posizione a ponte, in barca o nella sedia (utkatasana): supportano i muscoli adduttori delle cosce e ti aiutano a raggiungere il corretto allineamento della colonna vertebrale, rafforzando i muscoli della coscia, ed evitando che il ginocchio si estenda troppo. 

3) Possono renderti la pratica yoga accessibile se sei un principiante o se soffri di lesioni o altre limitazioni fisiche. 

E’ sempre bene informare il/la proprio/a insegnante, prima di iniziare qualsiasi lezione, se pratichi da poco o se riscontri qualche lesione o limitazione fisica: in questo modo potrà aiutarti a sostenere la pratica non solo attraverso posizioni più adatte a te ma anche con supporti adeguati che possano farti entrare negli asana più dolcemente e correttamente. 

4) Aiutano a portarti consapevolezza per coinvolgere e sostenere correttamente i muscoli in una posa specifica 

Attraverso l’utilizzo dei blocchi puoi renderti conto meglio di quali muscoli stai coinvolgendo perchè non sei troppo focalizzato sulla riuscita di una posizione (e di conseguenza, al dolore fisico che a volte può comportare se non si è ancora pronti ad eseguirla completamente). In questo modo la tua mente viene educata sempre di più a riconoscere, in maniera del tutto naturale e quasi automatica, le parti del tuo corpo corrette su cui andare a lavorare, nel completo rispetto della tua conformazione fisica. 

5) Possono essere di ottimo supporto nelle posizioni sedute 

Sedersi a gambe incrociate o semplicemente sedersi sul pavimento non è così facile come sembra: le ginocchia tendono a sollevarsi e la colonna vertebrale a curvarsi. Per questo motivo, se riscontri questo tipo di difficoltà, può divenire utile utilizzare un blocco per sederti in posizioni come quella del bambino o dell’eroe, mantenendo la colonna vertebrale diritta. 

6) Ti possono essere utili per mantenere posizioni più difficili per un tempo più prolungato 

Mantenere le posizioni per lungo tempo è fondamentale per aumentare la propria forza, resistenza, flessibilità, e anche per ottenere benefici terapeutici dallo yoga! Se riscontri difficoltà in questo, i mattoncini possono conferire quella stabilità e quel supporto necessari per mantenere la postura senza affanni. 

Ad esempio, posizionare il blocco sotto il sacro in una posizione a ponte o in un un’inversione come viparita karani asana (la posizione invertita) può aiutarti a mantenere la postura per un lungo periodo di tempo, rilassarti e permettendoti di allungare i muscoli lombari. 

7) Permettono di allungarti in maniera più approfondita 

Sei hai difficoltà nell’apertura del bacino ad esempio, puoi posizionare i blocchi tra i piedi in baddha konasana (la posizione del ciabattino). Premendo saldamente i piedi contro il blocco infatti favorirai l’apertura di fianchi, delle cosce e dell’inguine. 

Per intensificare e approfondire l’apertura del petto invece, puoi posizionare il blocco sotto la parte superiore della schiena, tra le scapole, durante l’esecuzione dell’eroe disteso (supta virasana) o del pesce (mastyasana). 

Non solo ti permette un allungamento più intenso ma aiuta tantissimo anche a mantenere una respirazione e rilassamento profondi. 

8) Ti aiutano ad esplorare nuove posizioni più avanzate 

I mattoncini sono utili non solo per chi è alle prime armi con la pratica o per chi ha specifiche ingiurie o limitazioni, ma anche per chi è particolarmente esperto e ha desiderio di esplorare posizioni più avanzate. Ad esempio, se hai difficoltà ad appoggiare il bacino in maniera confortevole in posizioni come hanumanasana (posizione della spaccata), kapotasana (posizione del piccione) o Eda Pada Rajakapotasana (posizione della sirena) è utilissimo posizionare un mattoncino nello spazio che separa il bacino da terra, in modo tale da poter rilassare quella parte del corpo e permettersi quindi di progredire nella posizione. 

I blocchi sono utilissimi anche per sperimentare posizioni di equilibrio sulle braccia, che richiedono notevole forza anche a livello del core. Per eseguire lolasana ad esempio (posizione del dondolo) può essere di estrema efficacia mettere le mani sui blocchi perchè possono conferirti l’altezza e lo spazio adeguato per sollevare il tuo corpo, consentendoti di oscillare avanti e indietro con facilità. Con una pratica costante, riuscirai in questo modo a mantenere questo tipo di posizioni più avanzate anche senza blocchi. 

Ora che hai compreso alcuni dei tantissimi benefici che i mattoncini possono regalarti durante la pratica, hai voglia di iniziare subito e provare? 

Ti consigliamo di dare un’occhiata al nostro shop qui, dove puoi trovare blocchi durevoli ed eco-friendly, realizzati in sughero con angoli smussati e una morbida superficie antiscivolo: perfetti per donarti un supporto stabile, sicuro ed efficace alla tua pratica! 

Arianna Sabatino per Yogaessential

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici:

Leave A Comment

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial